<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=313378079251685&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
< torna al blog

Smart Working: gli errori da non fare per inserirlo in azienda

28 ottobre, 2019    |     Team R-everse

Scopri velocemente quanto è digitalizzato il tuo business e come ottenere i benefit che il digital ti offre: comincia ora il quiz di 2 minuti.

Dopo aver compreso a fondo cosa vuol dire lavorare in Smart Working, capiamo ora come applicarlo concretamente in progetti aziendali, e quali sono gli errori da non commettere nelle prime delicate fasi di questo processo. 

"Da grandi poteri derivano grandi responsabilità" recitava il claim di uno dei fumetti Marvel più amati di tutti i tempi. Questo concetto è più che mai vero quando parliamo di smart working, senza per forza dover usare inglesismi: 

a più libertà, flessibilità e autonomia corrispondono infatti più responsabilità nel rispettare le scadenze, più fiducia nei team di lavoro, più “solitudine” e in alcuni casi meno interazione con i colleghi, una diversa capacità di problem solving, il tutto fortemente basato su una perfetta padronanza della tecnologia.    

Insomma: lo smart working è un processo complesso che presenta non pochi ostacoli da superare per entrare a completo regime e condurre a risultati soddisfacenti in termini produttivi. E questo sia dal lato del singolo lavoratore, sia dell’impresa che decide di adottare questa innovativa pratica lavorativa. 

 


La testimonianza di chi l'ha fatto

Daniele Bacchi, co-founder di R-Everse e Reallyzation, racconta:

"Come in tutte le innovazioni, bisogna andare oltre alle difficoltà iniziali derivanti dalle vecchie abitudini e non si può mollare al primo inconveniente. Nella nostra esperienza di azienda “remote working oriented”, abbiamo ad esempio dovuto superare non pochi ostacoli per rendere i meeting virtuali produttivi."

Leggi qui l’intera testimonianza


 

Quella degli smart worker ha tutta l’aria di essere una piccola rivoluzione: ecco perché è necessario capire le fasi con cui implementare un processo aziendale così diverso dai modelli a cui eravamo abituati a rapportarci.   

Indice 

  1. Le fasi per implementare un buon processo di Smart Working
  2. Gli errori più comuni  

Leggi come ingaggiare e assumere i talenti dell'ICT:

New call-to-action


 

 

1. Le fasi per implementare un buon processo di smart working

Come abbiamo visto, introdurre pratiche di Smart Working in azienda è tutt’altro che semplice: errori causati da inesperienza, disorganizzazione, digital divide tra le varie professionalità che formano l’impresa sono lì dietro l’angolo. 

Quali possono essere quindi, schematicamente, le fasi da implementare?

 

A. Sensibilizza gli amministratori, i dirigenti, il personale e i dipendenti

Il cambiamento delle modalità di lavoro del personale è basato sul cambiamento culturale e comportamentale dell’impresa, a cui non può essere estraneo nessun manager, amministratore o dirigente. Insomma, lo smart working ha bisogno di  formazione, sulle pratiche da adottare e sui benefici che ne derivano. E visto che questi non sono mai gratuiti, ha bisogno di investimenti e di persone che credano fortemente nella sua efficacia.  

 

B. Stabilisci le esigenze chiave e i ruoli in cui introdurlo

Qualsiasi azienda sa che alcune attività sono chiave per il business, e di conseguenza le task collegate sono da gestire con estrema precisione, rispetto ad altre task che sono collegate a fasi meno strategiche. Quindi quando implementi progetti di smart working questi aspetti sono da valutare con cura: 

  • le esigenze di business dell’impresa: come accennato sopra, ogni business ha momenti più stressanti o meno, così come carichi di lavoro più o meno complessi, o compiti che possono essere svolti di volta in volta meglio da un team di lavoro o da un singolo. Per una buona riuscita di un processo di smart working è assolutamente necessario non strafare: le prime fasi sono proprio quelle di sperimentazione, per capire quali dei tanti compiti che normalmente vengono svolti in impresa possano essere gestiti in remoto. Allo stesso tempo, ci saranno alcuni ruoli più propensi ad adottare pratiche di lavoro smart (marketing, HR, sales) rispetto ad altri (finance,  produzione).
  • La tecnologia: prima di partire con un qualsiasi progetto di smart working, è fondamentale accertare che le professionalità coinvolte siano in grado di utilizzare gli strumenti tecnologici necessari per lavorare da remoto. Non è possibile infatti fornire dei “badanti digitali” o avere intoppi tecnici in ogni video call.
  • I benefici concreti che ogni lavoratore avrà grazie allo smart working: la maggior flessibilità in termini di orario, il tempo guadagnato per le proprie passioni extra-lavorative, il risparmio su auto, parcheggi, mezzi pubblici. Tutto ciò va ad impattare pesantemente sul clima aziendale quando si introduce lo smart working solo per alcune figure e non per altre, quindi è una questione delicata che l’HR manager deve gestire con cautela.

È solo incrociando queste tre istanze, tutte di fondamentale importanza, che sarai in grado di produrre la giusta strategia per il tuo processo di smart working.      

 

C. Determina costi e benefici, priorità e obiettivi da raggiungere, e come misurarli

Questa terza fase è forse la più complessa, ma anche la vera essenza dello smart working. Avere consapevolezza di cosa sia il lavoro smart e delle sue conseguenze in azienda non basta, ti serve un piano costi/benefici e uno schema degli obiettivi che si vogliono perseguire. È questa quindi la fase degli interrogativi come:

  • il benessere dei miei dipendenti è effettivamente migliorato? Da che cosa lo deduco?  
  • la qualità dei miei servizi/prodotti è rimasta immutata?
  • il tempo in cui i miei dipendenti svolgono le mansioni assegnate è diminuito o aumentato?        

Seguendo questo filone, sarai in grado di  implementare un buon piano d’azione, a cui non devi mai dimenticare di associare i  feedback che otterrai dai dipendenti coinvolti in questa rivoluzione organizzativa. 

Che cosa è cambiato, motivi di soddisfazione o insoddisfazione, problematiche riscontrate e benefici ottenuti sono la base per passare dalla fase di test a quella di implementazione completa.  

 


Leggi la testimonianza di due smart worker, un team leader e una mamma-sales che sono ormai perfettamente a proprio agio con lo smart working per loro stessi e per i team che coordinano.


 

Chiaramente, questo processo complesso nasconde molti rischi.  Ecco quindi quali sono gli errori più comuni che le aziende compiono quando implementano progetti di smart working e che puoi evitare.

 

2. Gli errori più comuni in un progetto di  smart working 

 

Partiamo dal primo e più grave errore, già emerso in diversi passaggi di questo articolo:  

1. lo smart working non può e non deve essere un obiettivo del solo Responsabile HR ma un progetto di cambiamento organizzativo che impatta trasversalmente su più dimensioni (persone, tecnologie e spazi) e condiviso da più professionalità. 

2. Il 2° motivo che può portare al fallimento è, come già accennato, la tecnologia. Le sole mail di posta non possono bastare: per portare avanti progetti di smart working servono strumenti tecnologici moderni costantemente aggiornati. Devi quindi porti alcune fondamentali domande come: 

  • chi lavora da remoto ha una connessione internet performante? 
  • Ha accesso a tutti i file e documenti in formato digitale? 
  • Le informazioni sono disponibilei in digitale su strumenti quali CRM, software di project management, ERP aziendale? 
  • I dipendenti sono dotati di telefono cellulare aziendale? Si usano chat aziendali?
  • I dipendenti possono partecipare ad una video conference call senza problemi con una buona qualità audio e video? 
  • I colleghi in azienda sono in grado di avviare una conference call senza l’intervento di un tecnico? 
  • In ufficio ci sono aree dedicate alle video call?

Una buona risposta a tutti questi quesiti potrebbe dimezzare il rischio di fallimento.   

   

3. Il 3° grande errore, infine, è  non procedere per step. È inutile, ad esempio, partire subito con il lavoro da remoto senza aver costruito relazioni di fiducia tra colleghi, aver abituato i team di lavoro e i dipendenti a lavorare per obiettivi e risultati, aver appreso come utilizzare al meglio le tecnologie digitali. 

Se cerchi una lettura completa e pratica sullo smart working ti consigliamo “Remote: Office Not Required” di Jason Fried e David Heinemeier Hansson.

 

Leggi come ingaggiare e assumere i talenti dell'ICT:

New call-to-action

Topics: HR vs Azienda

Team R-everse

Written by Team R-everse

Articoli correlati

Un piano di Business Continuity per combattere efficacemente il post Covid-19

20 luglio, 2020
La pandemia che ha colpito il mondo nel 2020 ha portato le aziende non solo a ripensare il proprio modo di lavorare ma anche a ragionare su due temi affatto banali, in cui l’HR ricopre un ruolo strategico: quando un qualsiasi agente esterno impatta sul sistema produttivo e obbliga all’interruzione forzata dei servizi erogati molte aziende risultano impreparate ad affrontare in modo strategico la crisi che ne deriva; esistono oggi reali strumenti in grado di prevenire con efficacia eventi negativi, così da affrontare momenti di crisi in maniera strategica, senza compromettere in maniera ...
Leggi tutto
La pandemia che ha colpito il mondo nel 2020 ha portato le aziende non solo a ripensare il proprio modo di lavorare ma anche a ragionare su due temi affatto banali, in cui l’HR ricopre un ruolo strategico: quando un qualsiasi ...

Leggi tutto

Comunicazione interna: come gestire emozioni e spirito di squadra in questi mesi

12 giugno, 2020
In un momento in cui il mercato del lavoro è così instabile, in cui abbiamo pochissime certezze e in cui molte aziende hanno avuto serie difficoltà a mantenere il proprio personale può sembrare poco attuale parlare di comunicazione e ancor più di comunicazione interna. Ma grazie ad alcune riflessioni si capisce chiaramente come in questo momento questa debba invece essere una priorità.
Leggi tutto
In un momento in cui il mercato del lavoro è così instabile, in cui abbiamo pochissime certezze e in cui molte aziende hanno avuto serie difficoltà a mantenere il proprio personale può sembrare poco attuale parlare di ...

Leggi tutto