<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=313378079251685&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
< torna al blog

Ripartire dalla cultura aziendale per superare le crisi: il caso Icap-Sira

5 febbraio, 2021    |     Team R-everse

Per la rubrica La parola all’HR, Lara Torres ha incontrato per noi Riccardo Cirà, General Manager di Icap-Sira Chemicals and Polymers SpA, storica azienda del settore chimico: insieme abbiamo affrontato il tema di come le aziende possano superare i momenti di difficoltà come questo che stiamo vivendo, uscendone rafforzate.

In modo particolare, ci siamo concentrati su quanto sia stato fondamentale ripartire dalla cultura aziendale per crescere nel periodo della crisi sanitaria.

Infatti, in Icap-Sira hanno saputo trasformare la crisi in opportunità per il business: Riccardo Cirà ha condiviso con noi i punti essenziali del loro progetto di ripresa che comprendono capacità di reazione, direzione illuminata e ingaggio dei dipendenti.

 

A fondo pagina è disponibile il video dell’intervista integrale.

  1. Adattarsi al futuro
  2. Investire nelle risorse
  3. Credere nelle idee

 

1. Adattarsi al futuro

È ormai chiaro a tutti che, anche tornando alla normalità, il mondo non sarà più come prima. Questa frase, quasi abusata, costringe ogni business a un momento di riflessione importante e a chiedersi se:

  • la mission aziendale è ancora valida in un mondo profondamente cambiato;
  • i valori dell’organizzazione saranno ancora condivisibili nel lungo periodo;
  • il business stesso può avere futuro, se rimane immutato.

Partendo da questi dubbi, ogni azienda deve adattarsi al futuro modo di operare e deve sviluppare strategie valide per i prossimi cinque o dieci anni: questo si traduce nel definire i punti su cui lavorare, avere un approccio flessibile, adattare i processi e il pensiero alla situazione attuale.

Ed è qui che il ruolo dell’HR viene in supporto all’azienda che ha bisogno di pensare alla propria riorganizzazione.

Icap-Sira ha elaborato un Business Plan per i prossimi 5-10 anni tenendo in considerazione le ripercussioni che la pandemia avrà sul mondo e sul mercato del lavoro;
inoltre, ha tenuto in considerazione due aspetti: la brand reputation e un approccio più digital-oriented.

In particolare, ha avuto modo di:

  • rilanciare il sito web, con dei report settimanali per tenere tutti aggiornati su ciò che avviene all’interno dell’azienda e analizzare i cambiamenti;
  • accelerare la digitalizzazione e in modo particolare riorganizzando il reparto IT e quello R&D; 
  • ripensare ai grandi temi attuali e a come incorporarli nella vision aziendale.

Quest’ultimo punto in particolare ha assunto un’importanza strategica.

Tra i  temi verso i quali le grandi aziende puntano per il futuro, due sono sicuramente l’innovazione e la sostenibilità: basti pensare all’elevato numero di colossi che si sono impegnati a raggiungere zero carbon footprint entro il 2030, come Microsoft, Apple o l’italiana Eni. Anche per le aziende che non operano nel settore green, insomma, la spinta all'ecologia è forte. La stessa spinta è sentita anche da Icap-Sira, che ha incorporato la sostenibilità e l’innovazione nei core value aziendali per adattarsi al mondo in cambiamento.

 

Citazione Icap Sira-2

 

2. Investire nelle risorse

La strategia e gli obiettivi di business non possono reggere senza una corretta cultura aziendale che supporta le azioni. Soprattutto nei periodi di difficoltà, i valori e la cultura aziendale sono come una bussola, una stella polare a cui puntare per continuare il proprio percorso di ripresa e di crescita.

Per rafforzare la cultura aziendale è necessario coinvolgere le persone che “fanno l’azienda”: attraverso un sistema incentrato sulle Risorse Umane è possibile raggiungere il risultato. Per fare ciò, innanzitutto, è necessario che l'alta direzione e la dirigenza diano l’esempio nella condivisione dei valori aziendali; poi si inizia a costruire un programma che permetta la crescita individuale e di gruppo di chi lavora nell’organizzazione. In che modo?

  • Attraverso un’analisi delle competenze in azienda, per individuare eventuali gap e capire come implementare le skill;
  • con programmi di formazione mirati a far crescere i collaboratori in azienda;
  • attraverso corsi di team synergy,  per migliorare la cooperazione aziendale;
  • con una più precisa strategia di talent acquisition, grazie ad una più forte brand reputation.

L’obiettivo è di creare una struttura aziendale che implementi lo sviluppo della strategia e ciò è possibile grazie ai valori che l’azienda cerca nei propri collaboratori. In Icap-Sira i valori sono cinque:

  • responsabilità, che si traduce in proattività e trasparenza; 
  • affidabilità, che è non solo velocità di esecuzione, ma anche rispetto delle regole interne ed esterne;
  • ambizione, che è alimentata dalla passione e dalla volontà di fare;
  • visone del cliente al centro, possibile grazie all’innovazione, alla cura, alla ricerca di soluzioni customizzate e all’orientamento;
  • valorizzazione della performance, supportata dalla formazione per assicurare di avere le competenze giuste in azienda e da un atteggiamento orientato al risultato.

 


Cerchi suggerimenti per la tua strategia di Employer Branding? Leggi la guida:

employer branding



 

3. Credere nelle idee

I comportamenti e i valori aziendali devono essere condivisi per raggiungere i risultati. 

Ma quello che conta di più è il coinvolgimento dei collaboratori nella mission aziendale e nei progetti di crescita del business.

Il coinvolgimento dei collaboratori non ha solo un’importanza strategica per lo sviluppo dell’organizzazione, ma anche per la crescita della sua reputation: in questo modo, i lavoratori passano in prima linea e diventano testimonial dell’azienda.

Partendo da questo progetto, Icap-Sira ha lanciato un contest interno: l’obiettivo è di sviluppare la migliore idea su uno o più dei seguenti temi, tutti fondamentali per l’identità dell’organizzazione stessa:

  • Innovazione
  • Sostenibilità
  • Miglioramento dell'ambiente di lavoro
  • Sicurezza

Il contest, suddiviso tra i quattro stabilimenti in sei competizioni, ha avuto un riscontro positivo: le proposte avanzate sono state cinquantotto e i vincitori, premiati in occasione delle celebrazioni di Natale, tenutesi a distanza, sono stati sei.

In ogni caso, l’azienda si è impegnata a dare un feedback a ognuno dei partecipanti; il Comitato di Direzione valuterà oggettivamente le idee in base alla loro non applicabilità, parziale applicabilità o totale applicabilità nei processi organizzativi e produttivi.

Questo progetto ha raggiunto l’obiettivo di rendere i collaboratori:

  • più propositivi;
  • più consapevoli della direzione che l’Azienda vuole prendere;
  • più integrati nei processi decisionali.

Questa nuova cultura aziendale mette ancora più al centro il lavoratore, risorsa fondamentale, e darà un contributo tangibile per migliorare il suo lavoro e quello aziendale.

 

 

Guarda l'intervista integrale:
 

 


Cerchi suggerimenti per la tua strategia di Employer Branding? Leggi la guida:

employer branding

 

 

Topics: La parola all'HR

Team R-everse

Written by Team R-everse

Articoli correlati

Come costruire un team internazionale: il caso Cotral Italia

16 dicembre, 2020
Questo mese per la rubrica La parola all’HR parliamo di internazionalità e Lara Torres ha intervistato per noi non un Responsabile HR, bensì un manager che da anni lavora all’estero e opera nel mercato internazionale: Marco Diadema, responsabile Export area Emea per Cotral Italia, azienda leader mondiale nella progettazione e commercializzazione di protezioni uditive su misura per proteggere i lavoratori negli ambienti di lavoro. Marco Diadema ha approfondito il tema delle opportunità e dei rischi che un ambiente internazionale riserva ai professionisti: alla fine dell'articolo puoi vedere il ...
Leggi tutto
Questo mese per la rubrica La parola all’HR parliamo di internazionalità e Lara Torres ha intervistato per noi non un Responsabile HR, bensì un manager che da anni lavora all’estero e opera nel mercato internazionale: Marco ...

Leggi tutto

Employer Branding e nuove generazioni: il caso VGen

30 ottobre, 2020
Come attrarre i nuovi talenti digital native? Ecco alcuni suggerimenti dati da VGen, la startup che dell’Employer Branding per i giovanissimi ha fatto il suo core business.
Leggi tutto
Come attrarre i nuovi talenti digital native? Ecco alcuni suggerimenti dati da VGen, la startup che dell’Employer Branding per i giovanissimi ha fatto il suo core business.

Leggi tutto